Badarchin @ BeOut | beOut. Milano outdoor per tutti | 15.04-17.06


(ph: Jan Moszumanski)

Badarchin (the Hermit)
para-performance (felt, thread, rope)
Land Art Mongolia, 2014
Special edition beOut: inkject print on paper matte 225 gr, 420x297 mm


Milano Outdoor per tutti

ARTE, SPORT E INCLUSIONE SOCIALE

LOTTERIA D'ARTE: RACCOLTA FONDI PER PROGETTI di sport, 

inclusione e integrazione sociale


 15 aprile - 17 Giugno 

Parco Lambro via Feltre, 65 (Milano)

a cura di

Roberta Ranalli, Pietro Fachini e Riccardo Scrocco

from Love Foundation Milano

Media partner: That's Contemporary


In occasione della 6a domenica del progetto di sport e inclusione sociale beOut. Milano outdoor per tutti saranno presentate al pubblico le 9 opere del progetto parallelo beOut. Arte, sport e inclusione sociale. Franco Ariaudo, Angelo Bellobono, Francesco Bertelé, Stefano Boccalini, Hannes Egger, Pietro Fachini, Emilio Fantin, Pierfabrizio Paradiso e Sergio Racanati hanno generosamente donato un'opera, edita o inedita. L'arte è strumento per offrire prospettive diverse, sovvertire dinamiche prestabilite, e approfondire il tema dello sport, con una visione laterale.

Le nove opere saranno oggetto di una raccolta fondi, che terminerà il 17 giugno, il cui ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza per proseguire le attività sportive, con particolare attenzione ai minori in difficoltà e alle persone con disabilità fisica e mentalebeOut. Milano outdoor per tutti è un progetto di MISIAD, Comunità Oklahoma Onlus e Cooperativa Sociale Stella Polare. Con il contributo di Fondazione Cariplo e il patrocinio del Comune di Milano, del Municipio 3 e del CONI Lombardia.




Articolo su Exibart

AndarXporte | Palazzo Archinto Milano | opening 18.10 6pm

AndarXPorte
Palazzo Archinto
Via Olmetto 6 Milano
18 october - 1 december
vernissage 18 october h 6 pm

curated by  ArtCityLab




Figura maschile con i polsi legati al servizio degli Amanti
environmental installation & performance
a work by francesco bertelé


Figura maschile con i polsi legati al servizio degli Amanti  é un'operazione  pittorica con risultati ambientali, costituita da alcune opere indipendenti che per l'occasione si adattano ad una nuova narrativa spaziale inscindibile dal luogo. Ovvero è la messa in scena di un atto teatrale i cui personaggi sono 'scultorei'.
Lo spettatore è investito dalle presenze, dalla loro relazione spaziale e dalla proiezione immaginifica della narrativa di scena.
La pittura esplode divenendo presenza e piano della scena che lo spettatore si trova a percorrere, invadendola ma senza potervi interagire.
E' infine un elogio bucolico che fossilizza nella sua secolarità la storia della follia amorosa.
Il mondo ipnagogico in cui questa infruttuosa ricerca avviene non è antitetico al mondo reale piuttosto costituisce lo specchio in cui i meccanismi reali dell'esistenza si riflettono in forma pura: quanto accade nel palazzo equivale a quanto accade nel mondo reale, le immagini e le voci create per arte magica vanamente inseguite non sono altro che la proiezione di desideri reali.

In collaborazione con Martino Coffa-Recipient.cc (meccanismi e tecnologia); Plasman 51 (composizione musicale).
Performers: Eros Scabbio, Marta Zardini , Remo Sorato.

[ENG]
Male figure with wrists bound in the service of the Lovers  is a pictorial work with environmental results, made up of independent works which, for the occasion,  adapt themselves to a new  spatial narrative inseparable from the place. In other words, it is the staging of a theatrical act in which the characters are 'sculptural'.
The spectator is empowered by their presence, by their spatial relationship and by the imaginative projection of the story transmitted by the scene.
The painting explodes becoming the presence and plan of the scene in which the spectator finds himself, invading it but unable to interact. 
And finally it is an Arcadian praise which fossilizes the story of the madness of love with its secularity. 
The Hypnagogic world in which this fruitless search occurs does not differ from the real world but rather represents the mirror in which the true mechanisms of existence are reflected in the purest form: that which occurs in the palace corresponds to that which happens in the real world. The images and voices created purely by magic are no more than the projection of real desires.

Collaborations: Martino Coffa-Recipient.cc (mechanisms and technology); Plasman 51 (music).
Performers: Eros Scabbio, Marta Zardini , Remo Sorato.




Francesco Bertelé
www.francescobertele.net
Artistic Director of a2410.it



A Lingua trova a gente


A Lingua trova a gente [the tongue finds people] 

para-performance and site specific sound installation
[special thanks to Eros Scabbio]
2017







“The vault of the door is like a cavern hollowed out by silence.” Max Picard

This work is the result of a nomadic journey into the Italian landscape. Speding several night days and nights in a cave on the coast of Puglia, Bertelé explores the connection between dwelling and communication. The artist poses transitory inhabitance as a semiotic question: the architectural space (signifier) is the container of the human body (signified). The morphology of the cave is therefore seen as the space that created the 'logos' and the act of penetrating the cave is a return to the creation of language. It is also a symbolic act of returning on the one hand, to the first human settlements of the region and on the other, of inhabiting radical contemporary units of refuge. The artist's temporary loculus, recreated and transposed into the gallery space, also represents the liminal face of the European political body; resiliency in extreme conditions became a localised act of resistance.

°°°
“La volta della porta è come una caverna che il silenzio si è scavata.” Max Picard

Quest'opera è il prodotto di un vagabondaggio nel paesaggio italiano. Dopo aver trascorso diversi giorni e notti  in una caverna sulla costa pugliese, Bertelé esplora il rapporto fra dimora e comunicazione. L'artista propone la condizione dell'abitare provvisorio come questione semiotica: lo spazio architettonico (significante) é il contenitore del corpo umano (significato). La morfologia della caverna è quindi vista come spazio che ha creato il 'logos' e l'atto di penetrarla è un ritorno alla creazione del linguaggio. Ma è anche un atto simbolico: da un lato il ritorno ai primi insediamenti umani della regione, dall'altro un abitare radicale e contemporaneo in unità che offrono riparo e un'alcova. Il loculo temporaneo dell'artista ricreato e trasporto nello spazio della galleria, rappresenta anche il volto liminale del corpo politico europeo; la resilienza in condizioni estreme si fa atto localizzato di resistenza.

[text from the catalogue of the exhibition "A house, halfway" curated by  Andrew de Brún, Inês Geraldes Cardoso, Kateryna Filyuk.]










:::

Instagram  #alinguatrovaagente
 
Exhibition
05 -10 2017  A house, halfway, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino

L'amoureuse initiation

site specific isntallation
2017



"Unità d'artista" is a new residency for artists, dedicated to the space, to living, to the searching of a 'réverie' elsewhere. It is a place that is being designed and built; always the same, but different at the same time. It is a space in which one can just be, reflect, daydream, feel at home, contemplate. It is an experience to live and to personalize, a void to create, a blank page to fill, an essence and an absence to take and to make full, a corner where to gather, to imagine, to be soothed.
The first artist-in-residency is Francesco Bertelé. His project L'Amoureuse Initiation is a dwelling, a shelter, a structure that creates space and branches in all the corners of the room. This nest of ropes molds with the space and it will generate it, it will change together with the space, it will invade it in all its physicality. It is a not easily accessible and penetrable place, which must be understood and interpreted, accepted.
This is a place conceived thanks to many ideas which have as a main element the initiation of love, the game, the meeting of two bodies, the continuous bouncing between the thin line that separates life and death, fertility and infertility. On a short term the nest refers to the animal world, especially to the bird weaver, a particular type of bird which produces woven nests, which is concluded only if appreciated by the female bird.

However the nest is also the human emblem par excellence: the uterus is transformed into a nest at the time of pregnancy, containing and protecting the fetus. Consequently the characteristics of the personalities of those who have built it, are in the nest. Therefore it is a place that has inside a bouncing and living heart, the result of a carnal relationship.
The room, at first empty, becomes a container, a suitable place to build a shelter. It evokes organic and natural elements. It is a sort of base camp where the relationship with the space becomes essential and where -once you cross the threshold- you forget to be in the middle of the city, with trains, trams and cars whizzing just a few meters below.
Vital for the realization of this project is the sunlight: the sunlight that enters, moves, warms and changes the environment and how this light creates shadows with the absence of the body, not with the presence of the objects.
Two sculptures complete the L’Amoureuse Initiation; one is entitled "what you can't ignore, is what isn't allowed to believe..." and the other one is "understanding each other without saying it, without knowing it". Both are made with natural materials or collected in addition to other elements of the installation that during the months of 'nesting' are subject to change, inferring vitality and change to the "Unità d'Artista".


 








:::

Instagram  #lamoureuseinitiation
 
Exhibition





***

A house, halfway | Fondazione Sandretto Re Rebaudengo | invitation 16.05.2017h.19



These cliffs are the liminal face of the European political body.
'Extreme' is a mental condition, neither geographical nor symbolical. 
'Extreme' is a place of isolation where resiliency is played out as an act of public resistance. 

A lingua trova a gente [The tongue finds people]
a work by Francesco Bertelé [special thanks to Eros Scabbio]
Para-performance and site specific installation

in

A house, halfway
an exhibition curated by 
Andrew de Brún, Inês Geraldes Cardoso, Kateryna Filyuk

Young Curators Residency Programme 
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo,Turin



Francesco Bertelé
www.francescobertele.net
Artistic Director of a2410.it







#TolomeoMe

a project by Francesco Bertelé
in collaboration with Ciocca – arte contemporanea.
2017




"Pensa di partire da casa per un viaggio, alla scoperta di nuovi luoghi da conoscere. Sul cammino incontrerai altri compagni di viaggio. Con loro vedrai paesaggi mai visti. Conoscerai città e genti nuove. Pensa poi di dover raccontare del tuo viaggio quando tornerai a casa. A chi ti chiederà come ci sei arrivato. I nomi di quei luoghi.
Dovrai ripensare ai confini di quella terra per poterla disegnare. Raccontare da quali meravigliosi fiori e piante è abitata. Quali animali la popolano..." fb'

#TolomeoMe è un percorso creativo da inventare con l'intento di sviluppare la fantasia e la creatività dei più piccoli, guidandoli alla pratica di tre tecniche diverse. 
Avendo a disposizione un'area il cui pavimento sarà completamente ricoperto da un'unica tela di tessuto bianco, il fondo vuoto di una mappa da disegnare, da segnare, da scrivere e raccontare, i piccoli partecipanti potranno sperimentare la relazione tra il proprio corpo e lo spazio, muovendosi all'interno dell'area comune e creando un proprio percorso.
Il filo conduttore dell'intero processo creativo sarà la frase Viaggiare è incontrare, altrimenti è solo spostarsi"; le diverse "terre" mappate dai partecipanti dovranno infatti mantenere un punto di apertura, indispensabile perché la condivisione del proprio spazio – la porzione di mondo da loro conosciuta – possa avvenire.
 





:::

Instagram  #tolomeoMe
 
Exhibition





***