Walking through the walls @ StudioFondazionePomodoro | 12.12.2019 | HSD_Italian Council


presents

Walking through the Walls [40' VR 360° ambisonic]

a film by F r a n c e s c o     B e r t e l é 
when: thursday 12 December, 2019 h 17.00 20.00
where: Studio Arnaldo Pomodoro Via Vigevano 3, Milano
links :
../ teaser 
../ pressrelease


A cura di
Chiara Pirozzi   
CTO
Martino Coffa [Recipient.cc]
VR designer and developer
Alessandro Inguglia
Climbers
Eros Scabbio | Remo Sorato
Assistenza logistica e fotografie
Giuseppe Bertelé
Video production e editing
MilkitFilm
Colonna sonora
Bienoise
Sound editing
Duccio Servi


Hic sunt dracones è un progetto di Francesco Bertelé
realizzato grazie al sostegno della Direzione Generale Creatività contemporanea e Rigenerazione urbana
del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo
nell'ambito del progetto Italian Council, IV edizione, 2018.



Promosso da
Fondazione Made in Cloister
Partners
Stichting AVNode Amsterdam | Obalne Galerije Piran
Opera donata a
Risultati immagini per museo madre fondazione donnaregina logo
Sponsor tecnico








Farmacia Wurmkos - miAbito, la mostra.

miAbito
la mostra
a cura di Gabi Scardi

inaugurazione martedì 15 ottobre 2019 ore 18.30
fino al 26 novembre

Dopo la partecipazione a BienNolo e la realizzazione di miAbito performance al Museo del Novecento, miAbito torna al suo punto di origine: Farmacia Wurmkos a Sesto San Giovanni, dove dal 15 ottobre saranno esposti gli abiti realizzati nei laboratori, insieme a disegni e fotografie che raccontano e ripercorrono il processo dell'intero progetto.
La mostra è la tappa conclusiva di un progetto che ha visto attivi, nell'arco di oltre un anno, quattro artisti – Francesco Bertelé,
Francesca Marconi , Margherita Morgantin e Wurmkos – in altrettanti laboratori incentrati sul concetto di "abito".

I workshop si sono tenuti presso Farmacia Wurmkos a Sesto San Giovanni e hanno visto una partecipazione variegata; hanno convogliato le energie di persone accomunate dalla volontà di esprimere il proprio potenziale creativo individuale e di contribuire a un progetto condiviso.
Dopo una prima fase di ricerca, riflessione e scambio, ogni laboratorio ha prodotto, grazie all'affiancamento di Clara Rota con il laboratorio bassasARToria, una serie di capi unici, variamente interpretati dagli artisti.

Francesco Bertelé ha concepito capi di vestiario a partire da riflessioni legate alla natura e al concetto di bionica, partendo da una semplice indicazione: "Guardati attorno, ora... Osserva, cerca e scegli un elemento purché appartenga al mondo naturale".
Il lavoro di Francesca Marconi ha inteso rispecchiare le relazioni interpersonali. La forma dei suoi "abiti-dispositivi" è l'esito della sperimentazione di pratiche personali e collettive, che contribuiscono al "raggiungimento dalle connessioni di cui abbiamo bisogno".
Margherita Morgantin è partita da un elemento specifico: il cappuccio. "Elemento simbolico e allo stesso tempo letterale di protezione o di esposizione, di apertura al mondo o di chiusura in sé, di anonimato o nascondimento."
Infine Wurmkos ha lavorato sull'idea di tatuaggio come modo per istoriare pelle e tessuti, e quindi per raccontarsi: "Il progetto nasce dall'idea che anche attraverso l'abito si tenda a cercare la propria espressione e il proprio modo di stare al mondo. Il laboratorio consiste nel 'farsi' la propria stoffa."

Realizzato da Fondazione Wurmkos onlus in collaborazione con Cooperativa Lotta contro l'Emarginazione miAbito è stato uno dei progetti vincitori del bando Prendi pArte! Agire e pensare creativo promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (Direzione Generale Creatività Contemporanea e Rigenerazione Urbana) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.



__________________________________________
Wurmkos

Via Puccini 60
Sesto San Giovanni
Milano




Walking through the Walls | premiére | Mediamatic Amsterdam | 11.10.2019 | Italian Council


Walking through the Walls [40' VR 360° ambisonic]

International premiére @ Mediamatic Dijksgracht 6, 1019 BS - Amsterdam Friday, 11 October, H 15.00 > 21.00

The complete film will be viewable on the official YouTube channel starting at 3 pm on 11 October 2019

PressRelease here


The film is part of Hic sunt dracones , a project by    F r a n c e s c o     B e r t e l é 

CTO | Martino Coffa [Recipient.cc]

Curated by | Chiara Pirozzi

Climbers | Eros Scabbio, Remo Sorato

Logistics and Photographic Assistance | Giuseppe Bertelé

VR Designer and Developer | Alessandro Inguglia

Video Production and Editing | MilkitFilm

Soundtrack | Bienoise

Sound Editing | Duccio Servi

This project is made possible by the support of the Directorate-General for Contemporary Creativity and Urban Regeneration an organism of the Italian Ministry of Cultural Heritage and Activities and Tourism, as part of the Italian Council program, 4th Edition, 2018.

Promoted by | Fondazione Made in Cloister

Partners | Stichting AVNode Amsterdam, Obalne Galerije Piran

Work donated to | Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee / museo MADRE 

Technical Sponsor | MezeAudio


ſ '

Museo del Novecento | performance miAbito a cura di Gabi Scardi | 26 settembre, ore 19.00




'Il vesito che gioca il reale' will be part of this colorful event!

5 performances 2'30'' each  >> Live streaming on instagram >> 09/26/9 @ 7.15 pm | 7.33 pm | 7.51 pm | 8.09 pm | 8.27 pm
Performers (in order of appearance): Marco Campanella, Zihad Atef, Bianca Maria Sforza, Camilla Rocchi, Margherita Castellazzi.

Thanks to the artistic genius of Clara Rota (Bassasartoria) and to the expert hands of her grandma Elisa
Will you be there? ... We will definitely be there!

§§ end note §§
Dear, this is perhaps the last e-mail I will send you because I have planned a trip to Mars.
So please, if you want to follow the adventures of me and my avatar, here are some channels:


" due personcine per bene...i tuoi peccatori con la faccia dove sappiamo" (quote)

§§ end §§



Apocalisse 21.1 | BienNolo 2019 | 17-26.05.2019




All'orizzonte, di fronte al mare, al crepuscolo, la frontiera è una linea immaginaria e realissima che separa e insieme unisce due mondi (come scriveva Alessandro Leogrande). Vedere, non vedere. È qui che si dilata lo spazio della messa in scena.

L'mmaginario è distribuito in una nuvola di relazioni, emozioni 'dividuali' condivise nella rete macchinica; dobbiamo ri-cercare il significato onirico profondo celato dietro al senso manifesto.
Puro voler-dire che non dice nulla, in una negatività in cui sembra oscurarsi e sprofondare ogni possibilità di indicare l'aver-luogo del linguaggio, una voce senza suono al di là dell'ORIZZONTE della metafisica. Non è ancora significato, ma pura intenzione di significare.

[liberamente tratto da Il linguaggio e la morte, di Giorgio Agamben.]

a big thank to Andrea Ghia the WOLF 


***

Dal 17 al 26 maggio 2019, dalle 12:00 alle 20:30, presso l'Ex Laboratorio Panettoni Giovanni Cova Via Popoli Uniti 11, Milano.






Badarchin @ BeOut | beOut. Milano outdoor per tutti | 15.04-17.06


(ph: Jan Moszumanski)

Badarchin (the Hermit)
para-performance (felt, thread, rope)
Land Art Mongolia, 2014
Special edition beOut: inkject print on paper matte 225 gr, 420x297 mm


Milano Outdoor per tutti

ARTE, SPORT E INCLUSIONE SOCIALE

LOTTERIA D'ARTE: RACCOLTA FONDI PER PROGETTI di sport, 

inclusione e integrazione sociale


 15 aprile - 17 Giugno 

Parco Lambro via Feltre, 65 (Milano)

a cura di

Roberta Ranalli, Pietro Fachini e Riccardo Scrocco

from Love Foundation Milano

Media partner: That's Contemporary


In occasione della 6a domenica del progetto di sport e inclusione sociale beOut. Milano outdoor per tutti saranno presentate al pubblico le 9 opere del progetto parallelo beOut. Arte, sport e inclusione sociale. Franco Ariaudo, Angelo Bellobono, Francesco Bertelé, Stefano Boccalini, Hannes Egger, Pietro Fachini, Emilio Fantin, Pierfabrizio Paradiso e Sergio Racanati hanno generosamente donato un'opera, edita o inedita. L'arte è strumento per offrire prospettive diverse, sovvertire dinamiche prestabilite, e approfondire il tema dello sport, con una visione laterale.

Le nove opere saranno oggetto di una raccolta fondi, che terminerà il 17 giugno, il cui ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza per proseguire le attività sportive, con particolare attenzione ai minori in difficoltà e alle persone con disabilità fisica e mentalebeOut. Milano outdoor per tutti è un progetto di MISIAD, Comunità Oklahoma Onlus e Cooperativa Sociale Stella Polare. Con il contributo di Fondazione Cariplo e il patrocinio del Comune di Milano, del Municipio 3 e del CONI Lombardia.




Articolo su Exibart